Doppietta Red Bull nel Gran Premio di San Paolo del Brasile, con Alonso al terzo posto. Ma l’ordine d’arrivo, con Vettel davanti a Webber, fa la fortuna del pilota spagnolo della Ferrari, che resta al comando della classifica e buone chance di conquistare il titolo nell’ultima prova di Abu Dhabi, domenica 14 novembre. La sportività dichiarata dalla scuderia Red Bull, che non consente giochi di squadra a favore di uno dei due piloti, regala per il momento solo il titolo costruttori. Per quello piloti Alonso può contare su un margine di 8 punti su Webber e 15 su Vettel. Il tedesco della Red Bull rientra di diritto nella corsa per il successo finale, rischiando però di favorire Alonso, che nei primi giri del circuito di San Paolo perde contatto dalla coppia Red Bull restando dietro Hamilton e Hulkenberg e non riuscendo a colmare il distacco nonostante l’ingresso in pista della safety car. L’ordine di arrivo del GP di San Paolo vede Vettel precedere il compagno di scuderia Webber, terzo Alonso, al quarto e quinto posto Hamilton e Button su McLaren, seguiti da Rosberg e Michael Schumacher su Mercedes. Nico Hulkenberg, dopo la clamorosa pole position, chiude all’ottavo posto.

In classifica piloti guida sempre Fernando Alonso con 246 punti. Alle sue spalle Mark Webber con 238, seguito da Sebatian Vettel con 231. Hamilton è quarto con 222, Button 199 e Felipe Massa 143

forbes

Aritmeticamente, solo quattro piloti restano in corsa per il titolo: Alonso (246 punti), Webber (238), Vettel (231) e Hamilton (222). Per diventare campione del mondo Alonso deve vincere o arrivare secondo, qualche che il vincitore. Se ci dovesse essere una doppietta Red Bull con Vettel davanti a Webber, potrebbe bastargli addirittura il terzo posto.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleLa Maratona di New York al 25enne etiope Gebremariam
Next articleTennis femminile azzurro sul tetto del mondo