Sebastian Vettel centra la terza pole position in altrettanti gran premi. In Cina sempre avanti il campione del mondo con la Red Bull che rifila sette decimi alle due guide McLaren, Jenson Button e Lewis Hamilton, e quasi un secondo e mezzo alle due Ferrari. Quarto Nico Rosberg su Mercedes e ottimo piazzamento in griglia di partenza per le Toro Rosso, in quarta fila con Alguersuari e in quinta con Buemi. Errori di calcolo costano caro a Mark Webber che esce con le gomme dure e finisce 18esimo. Ci saranno, dunque, due 150° Italia in terza fila sulla griglia di partenza del Gran Premio della Cina, con Fernando Alonso quinto e Felipe Massa sesto.

Ecco le dichiarazioni apparse sul sito ufficiale della Ferrari

forbes

Fernando Alonso

: “Non mi aspettavo molto di più da questa qualifica. Il quinto e il sesto posto rappresentano il massimo cui potessimo aspirare in queste condizioni. Della Red Bull e della McLaren sapevamo già, qui abbiamo visto anche un miglioramento della Mercedes quindi la situazione era ancora più difficile. Stiamo cercando di migliorare la nostra prestazione: siamo una grande squadra e sappiamo come reagire. Ieri abbiamo provato qualche nuova soluzione ma è ancora presto per usarla in gara: speriamo di fare un passo avanti importante in Turchia. Voglio dare un dieci alla squadra per come ha saputo gestire le qualifiche in queste prime tre gare: è sempre molto difficile trovare il compromesso fra la necessità di rischiare e quella di essere prudenti e abbiamo visto già diversi errori che sono costati cari a certi piloti in queste tre sessioni. Noi in questo momento non dobbiamo inventarci nulla ma, piuttosto, fare le cose semplici. Credo che il podio sia ancora alla nostra portata: quest’anno ci sono più variabili, come il degrado delle gomme e l’utilizzo dell’ala posteriore mobile, che entrano in gioco in gara, come si è visto nei primi due Gran Premi. Domani le temperature potrebbero essere un po’ più elevate di oggi: vedremo se cambierà qualcosa ma non credo che sarà così. La strategia sarà molto importante per il piazzamento finale.”
Felipe Massa: “E’ andata un pochino meglio che in Malesia ma siamo ancora indietro. Non è una sorpresa la prestazione di Vettel, lo è semmai quella di Webber. Anche la McLaren va più forte di noi e la Mercedes è migliorata e sarà un avversario durissimo domani in gara. In Q2, dopo la bandiera rossa, sono uscito subito per cercare di essere il primo e avere pista libera. Davanti a me c’era Perez ma l’ho superato nel giro di lancio ed è stato un bene perché così sono riuscito a fare un giro pulito e a migliorare il mio tempo. Spero tanto di fare come in Malesia, cioè di avere un salto di prestazione fra qualifica e gara: se dovesse essere così, allora un podio potrebbe non essere impossibile. La pista è migliorata molto rispetto a ieri: c’è più aderenza e le macchine scivolano meno, consumando così meno gli pneumatici: sarà un fattore di cui tener conto nella definizione della strategia ideale.”

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleL’arte della scena muta
Next articleNuoto: Luca Dotto grande protagonista ai campionati primaverili