La squadra azzurra di Ginnastica Ritmica conferma il titolo mondiale, andando a vincere in casa delle campionesse olimpiche. Con il totale di 55.525 le quattro farfalle dell’Aeronautica Militare Elisa Santoni, Elisa Blanchi, Daniela Masseroni ed Angelica Savrayuk, più Giulia Galtarossa (Ardor Padova) e Romina Laurito (Virtus Gallarate) conquistano la medaglia d’oro nel programma d’insieme del 30° Campionato del Mondo di Mosca. La Bielorussia seconda con 54.800, davanti alle padrone di casa, estremamente fallose in entrambe le esecuzioni, che si devono accontentare del gradino più basso del podio con 52.425. Le ragazze della Maccarani spezzano così la monotonia di un medagliere che fino ad ora, nella rassegna individuale, aveva premiato sempre e soltanto ginnaste locali. “Vincere a Miè fu un’impresa – ha dichiarato il Presidente federale Riccardo Agabio, che oggi festeggia sugli spalti dell’Olimpyisky il suo compleanno – ma confermarsi è sempre più difficile. Farlo in casa delle campionesse olimpiche poi è davvero incredibile. Questo è un gruppo eccezionale. Si sono preparate allo strenuo questa estate per dimostrare tutto il proprio valore, soprattutto dopo l’argento europeo di Brema, l’aprile scorso. Qualcuno le dava per spacciate, nella tana del lupo. Eppure non si sono fatte intimorire e si sono presentate come la squadra da battere, che, però, alla fine resterà imbattuta. Complimenti a tutte, alle atlete e alle allenatrici, Emanuela Maccarani, in primis, con il suo staff di Desio e Follonica”. La Nazionale italiana è scesa per prima in pedana con i 5 cerchi, ottenendo subito un’ottima valutazione, 27.825. La Bielorussia, con 27.150 a nastri e funi, e 27.650 nei cerchi, aveva gareggiato nella manche precedente. La Russia perde due volte l’attrezzo e con nastri e funi non va oltre un 27.150. La sfida pare che si decida proprio in quest’ultima specialità, dove entrambe le nostre rivali hanno sbagliato e l’aria condizionata dell’impianto sembra influire sulle traiettorie. Nella seconda rotazione le nostre ginnaste, invece, sono perfette e con 27.700 mettono una seria ipoteca sul titolo mondiale. La Russia scende di nuovo in pedana con i cerchi, ma commette una serie di errori. Il 25.275 finale è buono appena per il bronzo. Le azzurre, prime in entrambe le discipline, ripartono da zero nelle finali di specialità per arricchire il proprio bottino.

Domenica 26 settembre il programma vive la sua ultima giornata con le due finali di specialità. L’Italia si ripresenta con i punteggi più alti sia ai cerchi, sia a funi e nastri.

forbes

ALBO D’ORO DELLA SQUADRA DI GINNASTICA RITMICA

ORO

1975 Madrid – Mondiali (concorso generale)

2005 Baku – Mondiali (3cerchi e 2clavette)

2008 Torino – Europei (5 funi)

2009 Miè – Mondiali (concorso generale)

2009 Miè – Mondiali (3 funi e 2 nastri)

2010 Mosca – Mondiali (concorso generale)

ARGENTO

1992 Bruxelles – Mondiali (6 nastri)

2004 Atene– Giochi Olimpici

2005 Baku – Mondiali (concorso generale)

2005 Baku – Mondiali (5 nastri)

2006 Mosca – Europei (concorso generale)

2006 Mosca – Europei (3cerchi/4clavette)

2007 Patrasso – Mondiali (concorso generale)

2007 Patrasso – Mondiali (3cerchi/4clavette)

2007 Patrasso – Mondiali (5 funi)

2007 Pechino – Preolimpica (concorso generale)

2008 Torino – Europei (3cerchi/4clavette)

2009 Miè – Mondiali (5 cerchi)

2010 Brema – Europei (concorso generale)

2010 Brema – Europei (3 nastri/2 funi)

BRONZO

1971 L’Avana – Mondiali

1988 Helsinki – Europei (3 cerchi e 3 nastri)

1990 Goteborg – Europei (12 clavette)

1992 Bruxelles – Mondiali (3 funi e 3 palle)

2003 Budapest – Mondiali (2 palle e 3 cerchi)

2003 Budapest – Mondiali (5 nastri)

2003 Riesa – Europei (concorso generale)

2003 Riesa – Europei (2 palle e 3 cerchi)

2006 Mosca – Europei (5 nastri)

2006 Miè – Finale di World Cup (5 nastri)

2008 Torino – Europei (concorso generale)

2010 Brema – Europei (5 cerchi)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAlonso: exploit in qualifica, sperando nella conferma in gara
Next articleEsordio vincente per l’Italia al Mondiale