Australia e Italia sono in parità dopo i primi due singolari della sfida con l’Australia in corso al “Domain Tennis Centre” di Hobart (cemento), in Tasmania, e valida per il primo turno del World Group della Fed Cup 2011. Jarmila Groth ha battuto Francesca Schiavone per 67 (4) 63 63 in due ore e 17 minuti, quindi Flavia Pennetta, protagonista di un grandissimo match, ha riportato il risultato in equilibrio superando Samantha Stosur con il punteggio di 76 (5) 67 (5) 64 dopo due ore e 12 minuti.

GROTH B. SCHIAVONE 67 (4) 63 63 – Match molto teso soprattutto nelle fasi iniziali con Francesca, numero 4 del ranking Wta, brava ad annullare una palla break sul 3-3 (ottimo servizio), quindi tre sul 4-4 (rovescio out della Groth, ancora un buon servizio, quindi un passante su una palla corta dell’australiana. Sul 5-4 l’azzurra si è procurata due set point (le prime due palle breal dell’incontro), ma la Groth, numero 31 Wta, è stata brava ad annullarle con due vincenti. Nel tie break però Francesca ha fatto valere la sua maggiore esperienza approfittando di qualche incertezza dell’avversaria, che ha continuato a picchiare su tutte le palle perdendo a volte la misura dei colpi. Subito 6-2, quindi 7-4 finale dopo circa un’ora di gioco.
Il secondo set era iniziato in discesa con Francesca subito sul 2-0 e 15-40 sul servizio della rivale con due palle del 3-0. L’azzurra però ha pagato un lungo passaggio a vuoto: la Groth ne ha approfittato, ha rimontato, poi sul 4-3 ha strappato ancora il servizio alla Schiavone e ha chiuso 63 nel game successivo dopo aver sprecato un primo set point spedendo out un rovescio. Il black out di Francesca è continuato anche nella parte iniziale della terza e decisiva partita: sotto 2-0, 15-40 sul proprio servizio, ha annullato due palle dello 0-3. La Groth è salita molto nelle percentuali del servizio (basse invece quelle della Schiavone che ha anche commesso deici doppoi falli) e nel nono game è andata 40-0 con Francesca alla battuta. L’azzurra ha annullato i tre match point, poi sul vantaggio interno una breve sospensione per pioggia. Si è ripreso dopo una decina di minuti: vantaggio pari su una diritto fuori misura della Schiavone, poi il quarto match point per la ventitreenne australiana nata a Bratislava, in Slovacchia, che però ha messo out un diritto lungo linea. Decisivo il quinto match point: volèe in rete dell’azzurra e 63 per la Groth.

forbes

PENNETTA B. STOSUR 76 (5) 67 (5) 64 – Altro match molto tirato (anche qui uno stop per pioggia, ma più lungo, di circa un’ora sull’uno a uno) con Flavia che nel primo set ha sempre rincorso. Dopo aver annullato due palle break sotto sotto 3-2, la brindisina ha ceduto il servizio nell’ottavo game, ma ha immediatamente replicato nel gioco seguente strappando a sua volta la battuta alla Stosur a zero. Poi nel tie break si è trovata sotto 4-2, ma è stata brava a rimontare. Punto del 6-5 per Flavia grazie a un ace, poi 7-5 su una risposta aggressiva che ha costretto all’errore l’australiana. Nel secondo set equilibrio fino al 2-2, poi il break della Stosur, con Flavia che sul finire del set ha accusato qualche problema alla coscia sinistra (le è stata fasciata). Nonostante ciò l’azzurra, sotto 5-4, come nel primo set ha centrato il break a zero, rientrando in partita. Ancora decisione al tie break. Flavia sotto 3-1, quindi i vantaggio 5-3 (a due punti dal match), poi 6-5 per la Stosur e doppio fallo decisivo della Pennetta. Nel terzo set l’equilibrio si è rotto sul 3-3, quando Flavia grazie ad un paio di ottime risposte ha strappato il servizio all’australiana. Immediato però il contro break della Stosur (su un diritto lungo di Flavia) dopo che l’azzurra aveva avuto la palla del 5-3. Ancora break della Pennetta e 5-4. Flavia è così andata a servire per il match e non si è lasciata sfuggire l’occasione regalando alla squadra il punto dell’uno a uno. Per l’azzurra è il quarto successo su quattro incontri con la Stosur, numero 5 del ranking Wta (attualmente la brindisina è numero 16).
Nella seconda giornata in campo prima Schiavone-Stosur, quindi l’ultimo singolare Pennetta-Groth. A chiudere il doppio: le coppie annunciate sono Sara Errani e Roberta Vinci per l’Italia e Anastasia Rodionova e Rennae Stubbs per l’Australia (ma i capitani possono cambiare fino ad un’ora prima del match).
L’Italia, bi-campione in carica e prima nel ranking Itf per nazioni, ha vinto tre trofei negli ultimi cinque anni. Le padrone di casa non vincono la Fed Cup dal 1974 quando sconfissero in finale gli Stati Uniti (nella squadra c’era Evonne Goolagong Cawley).
Sono cinque i precedenti con la squadra australiana che ha sempre vinto: l’ultima sfida si è giocata a Melbourne nel 1988.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleSci: Manuela Moelgg rimonta, ma arriva ai piedi del podio
Next articleTennis: sorteggiato il tabellone principale degli Internazionali Trismoka