In una prova di Coppa del Mondo è evento raro. Torino gode di questo privilegio, assistendo ad una fase finale della prova di fioretto femminile con due semifinali ed una finale interamente azzurra. Non poteva esserci miglior modo per festeggiare, in anticipo, il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. Nella prima Capitale dell’Italia unita, Valentina Vezzali, Arianna Errigo, Elisa Di Francisca ed Ilaria Salvatori, regalano lo storico poker. A vincere è Valentina Vezzali, che in finale supera Arianna Errigo per 15-12 e segna la sua 75esima vittoria in Coppa del Mondo e la terza consecutiva sulle pedane di Torino. Sul podio anche Elisa Di Francisca ed Ilaria Salvatori, a completare un podio che, per la prima volta nella storia si colora d’azzurro in una prova di Coppa del Mondo. Straordinarie le quattro del “dream team”, che legittimano la leadership mondiale, grazie ad una prestazione individuale superlativa. La Vezzali, dopo l’esordio vincente per 15-5 contro la giapponese Nishioka, supera la russa Rouzavina per 15-4. Soffre un pò agli ottavi contro l’altra nipponica Ikheata, superata 10-9 al minuto supplementare. Ai quarti è la russa Shanaeva a lasciarle strada col punteggio di 15-13. In semifinale è derby azzurro e jesino. Contro la campionessa del Mondo, Elisa Di Francisca, è gara di nervi. Il punteggio rimane basso come nella finale di due settimane fa al Grand Prix di Danzica; come quel giorno a vincere è la tre-volte campionessa olimpica, stavolta col punteggio di 7-3. L’altra semifinale ha visto in pedana Arianna Errigo ed Ilaria Salvatori. Entrambi arrivano al derby con alle spalle un percorso netto che palesa il loro talento. L’assalto è entusiasmante ed appassiona il pubblico del PalaRuffini. La Salvatori, dopo essere stata in vantaggio, subisce la rimonta dell’atleta monzese che stacca il pass per la finale per 15-12.
La giornata, iniziata con un minuto di raccoglimento in ricordo delle vittime del violento terremoto in Giappone, ha visto anche un ottimo 14esimo posto della giovanissima Alice Volpi, sconfitta nel tabellone delle 16, per 15-13 dall’ungherese Kreiss.
Nel tabellone delle 32, ha conosciuto la sconfitta Giovanna Trillini, superata 15-9 dalla coreana Nam ed anche Martina Batini contro la giapponese Ikheata per 10-9. Stop nelle 32 anche per Valentina Cipriani, col punteggio di 15-13 per la cinese Le. (fonte: federscherma)

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleSerie A: la Juve in doppio vantaggio, rimontata dal Cesena
Next articleTuffi: Tania tris, Cagnotto e Dallapè sorelle d’oro d’Italia