La famiglia del Panathlon Club Bergamo rende omaggio al Tennis Vip, nell’atmosfera unica del Circolo Tennis Mongodi a Cividino di Castelli Calepio, dove convergono i tanti personaggi dello sport, dell’imprenditoria, dello spettacolo, delle istituzioni, del giornalismo. Tutti pronti a mettersi in gioco e sfidarsi a colpi di racchetta sulla terra rossa per rimpinguare il piatto della solidarietà che il promoterGiovanni Licini riesce magicamente a rendere colmo. Una presenza, quella dei soci panathleti, sentita e dovuta, perché gli obiettivi della manifestazione combaciano perfettamente con i dettati del sodalizio presieduto da Maurizio Gamba. Una conviviale dal cerimoniale insolito, perché segue il modo di vivere spontaneo del Tennis Vip, con soci che curiosano tra i campi per seguire la partita di qualche amico o si trattengono nell’accogliente fauier all’aperto. E’ una serata dal sapore olimpico perché tra gli ospiti della manifestazione c’è Giuliano Razzoli, che si cimenta in coppia con Marco Albarello, icona dello sci di fondo azzurro ed eroe di Lillehammer. Il campione a cinque cerchi di slalom a Vancouver viene salutato con tutti gli onori dal Panathlon Club insieme al veterano delle nevi Albarello. Razzoli porta nel cuore Bergamo perché nella passata stagione, condizionata dagli infortuni, è tornato a vincere proprio sul Monte Pora. E nel corso della cena che ha allietato la conviviale, tradizionale consegna del gagliardetto tra Maurizio Gamba, presidente del Panathlon Club Bergamo, eGiovanni Licini, ideatore e organizzatore del Tennis Vip, che continua a raccogliere adesioni diventando la kermesse più frequentata in assoluto tra quelle del genere organizzate a livello nazionale.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleCalcio: giocatori, scommettitori e corruttori
Next articleCalcio: Prandelli, la vita è un dono, non una scommessa