Un Mirco Bergamasco implacabile dalla piazzola con un 100% di realizzazione, una difesa coraggiosa su ogni contatto – decisivo un placcaggio di Andrea Masi nella ripresa – ed una ripresa con un parziale di 15-0 danno all’Italia il successo sulle Isole Fiji al Braglia di Modena nel terzo ed ultimo Cariparma Test Match dell’autunno 2010. Contro la decima squadra del ranking IRB l’Italia soffre nella prima frazione di gioco, paga la maggiore fisicità del XV del Pacifico, subisce una meta in apertura di gara e passa il match ad inseguire, creando molto in attacco ed affidandosi al piede del minore dei fratelli Bergamasco – Mauro, operato giovedì, è a bordo campo – per mettere punti sul tabellone. Due i momenti chiave del match: allo scadere del primo tempo, con l’Italia sotto 9-13, il direttore di gara Pearson fischia ancora una volta contro il pilone Castrogiovanni, mostrandogli il cartellino giallo. Bai trasforma il 9-16 con cui si va a riposo.

L’Italia che torna in campo nel secondo tempo attacca anche con un uomo in meno, fatica a concretizzare e, poco prima che si esaurisca la penalità per Castrogiovanni, Fiji ha la chance per chiudere la partita con un’azione dei propri trequarti. Il placcaggio che spezza l’attacco isolano porta la firma di Andrea Masi, che sarà poi costretto ad uscire per il colpo riportato ma salva la partita evitando di portare oltre break gli avversari.

forbes

Poi, nell’ultima mezz’ora, in campo c’è solo l’Italia o quasi: le Fiji si difendono e provano a rilanciare, ma ogni punizione fischiata da Pearson a favore dell’Italia – che perde per infortunio anche Orquera, sostituito da Bocchino – si trasforma in un’occasione per il piede di Bergamasco, che non trema in nessuna occasione e realizza altre cinque punizioni fissando il risultato sul 24-16 finale.  L’Italia si concede un giro d’onore per ringraziare il caldo pubblico modenese e può guardare con fiducia all’RBS 6 Nazioni 2011, dove la squadra di Nick Mallett esordirà il 5 febbraio al Flaminio di Roma contro l’Irlanda.

ITALIA v FIJI 24-16 (9-16)

Marcatori: p.t. 6′ m. Talemaitoga tr. Bai (0-7);11′ cp. Bergamasco Mi. (3-7); 19′ cp. Bergamasco Mi. (6-7); 24′ cp. Bai (6-10); 27′ cp. Bai (6-13); 35′ cp. Bergamasco Mi. (9-13); 40′ cp. Bai (9-16); s.t. 5′ cp. Bergamasco Mi. (12-16); 12′ cp. Bergamasco Mi. (15-16); 20′ cp. Bergamasco Mi. (18-16); 35′ cp. Bergamasco Mi. (21-16); 39′ cp. Bergamasco Mi. (24-16)

Italia: McLean; Masi (16’ st. Benvenuti), Canale, Sgarbi, Bergamasco Mi.; Orquera (10’ st. Bocchino), Gori; Parisse (cap), Barbieri R. (30′ st. Derbyshire), Zanni; Geldenhuys, Del Fava (5’ pt. Dellapè); Castrogiovanni, Ongaro (10’ st. Festuccia), Perugini (20’ st. Lo Cicero)

all. Mallett

Fiji: Ligairi; Goneva (20’ st. Rabeni), Vulivuli, Lovobalavu, Nalaga; Bai, Kenatale; Koyamaibole (14’ st. Kalou), Qera (30’ st. Naikadawa), Naevo; Qovu, Lewaravu; Manu (cap), Talemaitoga (34’ st. Veikoso), Ma’afu (30’ st. Rarawa)

all. Domoni

arb. Pearson (Inghilterra)

g.d.l. Berdos (Francia), Jones (Galles)

TMO: Hughes (Inghilterra)

Note: giornata fredda, terreno in ottime condizioni, 18.000 spettatori circa. 40’ pt. cartellino giallo Castrogiovanni (Italia).

Calci piazzati: Bai (Fiji) 4/7; Bergamasco Mi. (Italia) 8/8

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleGolf: italiani in rimonta al Dubai World Championship
Next articleFederica Pellegrini, un grande esempio