Stupenda gara di Didier Cuche sulla Streif di Kitzbuehel: il campione svizzero conquista la quarta vittoria in carriera sulla pista-mito della Coppa del mondo di sci. Cuche eguaglia il primato di Franz Klammer (lo supera addirittura se consideriamo che Cuche vanta anche una vittoria in superG a Kitzbuehel) e potrà esibire in bacheca il prestigioso poker di trofei dell’Hahnenkamm (1998, 2008, 2010 e 2011). E con la vittoria di quest’anno, Cuche diventa anche il più vecchio vincitore sulla Streif, con i suoi 36 anni portati con grande orgoglio. La gara di Cuche è stata perfetta, soprattutto dalla parte centrale fino all’arrivo, e l’elvetico ha lasciato a 98 centesimi un rigenerato Bode Miller, autore di un’ottima prestazione, e a 1″18 il francese Adrien Theaux, in gran forma in questa stagione.
Grande Italia, ma ai piedi del podio. Il tricolore sventola dal quinto posto in giù, con Peter Fill autore della miglior prestazione stagionale, quinto a 20 centesimi da un podio che stava per acciuffare. Fill è seguito da Innerhofer a 1″50 da Cuche e 7/o è Werner Heel a 1″64. A punti anche Dominik Paris 25/o e Matteo Marsaglia 30/o. Brutta caduta per Siegmar Klotz, sbalzato in aria prima dell’Hausbergkante.

A Cortina la protagonista assoluta è una strepitosa Maria Riesch, che doma l’Olympia delle Tofane e si aggiudica la diciottesima vittoria in carriera grazie al successo ottenuto nella discesa. La tedesca, seconda nella passata stagione, ha preceduto sul traguardo le due americane Julia Mancuso e Lindsey Vonn, quest’ultima in lotta per il successo fino a metà gara, prima di commettere un grande errore che ha rischiato di farla addirittura cadere. Tuttavia la pronta reazione della 27enne di Vail le ha permesso di mantenere un posto sul podio.Ottima prova di squadra da parte delle azzurre, arrivate in sei in zona punti e in quattro nelle prime quindici. Un pizzico di rammarico per Daniela Merighetti, competitiva e sempre all’attacco. La bresciana ha colto un positivo sesto posto, a 31 centesimi dal podio, probabilmente accumulati dopo un atterraggio da un salto che l’ha scomposta. Elena Fanchini si è dovuta accontentare dell’undicesima posizione per un paio di imprecisioni in curva che le hanno tolto velocità. Verena Stuffer si è piazzata quattordicesima, Johanna Schnarf quindicesima, Francesca Marsaglia ventitreesima ed Elena Curtoni ventinovesima. Fuori dalle quaranta Enrica Cipriani e Camilla Borsotti, non ha preso il via Lucia Recchia. Purtroppo la giornata ha registrato la caduta di Nadia Fanchini, impegnata come apripista. In classifica generale la Riesch consolida il primato con 1152 punti davanti alla Vonn con 987 e e alla Goergl con 592. La migliore azzurra è la Merighetti con 279 punti, in sedicesima posizione.

forbes

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAustralian Open: dopo Schiavone, anche Pennetta negli ottavi
Next articleSerie B: l’Atalanta lotta e fa gioco, ma viene bloccata dal Varese