Solo un pareggio per il Milan, che esce con affanno dal match di San Siro con il Bari, rischiando di perdere e riuscendo a raddrizzare il risultato con Cassano dopo essere rimasto in dieci al 25’ della ripresa a seguito dell’espulsione di Ibrahimovic per doppia ammonizione. La squadra pugliese, che evidentemente non si sente ancora condannata alla retrocessione nonostante la classifica parli chiaro, passa in vantaggio al 39’ del primo tempo con Rudolph. Nella ripresa i rossoneri si gettano a capofitto per ribaltare il punteggio, vedendosi annullati due gol, di Robinho (fuorigioco millimetrico) e Ibrahimovic (controllo di pallone con il braccio). Il Bari spreca un paio di contropiede che avrebbero potuto chiudere l’incontro. La mossa decisiva di Allegri l’inserimento di Cassano, che segna alla sua ex squadra consentendo al Milan di conservare le cinque lunghezze di vantaggio sull’Inter. Come l’Araba Fenice, la Roma risorge dalle ceneri di Donetsk, dove si è consumata l’eliminazione dalla Champions League, vincendo il derby con la Lazio grazie a una doppietta di Francesco Totti. Il capitano giallorosso fa la differenza in campo, sostenuto da una squadra compatta che ritrova i tempi e le geometrie del cileno Pizarro, accanto ad un pilastro di centrocampo come De Rossi, e l’eccellente prova in difesa di Burdisso. La squadra di Montella (10 punti in quattro partite da allenatore) fa la partita nel primo tempo cogliendo una traversa con un tiro dalla distanza di Pizarro e costruendo un paio di chiare occasioni da gol. Nella ripresa la Lazio (schierata con il 4-2-3-1 come la Roma) crea un paio di opportunità in attacco rendendosi pericolosa con un colpo di testa di Floccari. La svolta al 25’ quando Totti trasforma un calcio di punizione facendo passare il pallone tra le maglie biancocelesti e sotto il corpo del portiere Muslera. Dopo il gol del vantaggio la Roma gioca con calma e sicurezza, mentre la squadra di Reja non riesce a trovare spazi. Nei minuti finali sale in nervosismo dei protagonisti e al 43’ Radu viene espulso per una testata a Simplicio. Nel recupero, durante una ripartenza romanista, palla da Totti a Taddei che serve un assist al centro dell’area dove Simplicio viene fermato fallosamente da Biava. L’arbitro Tagliavento decreta il rigore ed espelle Ledesma per proteste. Dal dischetto Totti trasforma con un tiro sotto la traversa. Gol numero 199 in campionato per il capitano della Roma, ottavo nei derby con la Lazio, e partita chiusa. Con la quinta vittoria consecutiva nel derby, la Roma riapre il discorso per la qualificazione alla Campions. Nel posticipo il Napoli vince in rimonta a Parma portandosi a -6 dalla vetta e ad una sola lunghezza dall’Inter. Il ritorno di Lavezzi dopo tre turni di squalifica coincide con la rinascita della squadra partenopea. Dopo il primo tempo che vede il Parma in vantaggio con gol di Palladino, nella ripresa la formazione di Mazzarri (in tribuna perchè squalificato) ribalta il risultato nei primi 12′ con Hamsik (in posizione di fuorigioco non rilevata dal guardalinee) e Lavezzi, poi chiude definitivamente i conti (con il Parma in dieci per l’espulsione di Galloppa) al 42′ con un incursione di Maggio. L’Udinese, approfittando del risultato del derby capitolino, scavalca la Lazio al quarto posto ottenendo un largo successo a Cagliari. Due gol per tempo: sul finire dei primi 45’ vantaggio con colpo di testa di Benatia e raddoppio in contropiede di Sanchez; ad inizio di ripresa uno-due di Di Natale che sale a 24 reti al comando della classifica dei marcatori. Senza il cattivo avvio di campionato, la squadra di Guidolin sarebbe in lotta per lo scudetto e avrà sicuramente voce in capitolo dovendo affrontare allo stadio Friuli il Milan nell’ultima giornata. Bene la Fiorentina, che s’impone al Bentegodi con un gol di Vargas ad inizio di secondo tempo, mettendo in difficoltà il Chievo, e il Bologna, che passa a Lecce con un gol di Ramirez al 33’ del primo tempo. Quinta sconfitta consecutiva del Palermo, sconfitto a Marassi dal Genoa a segno al 32’ della ripresa con Floro Flores. Traballa anche la Sampdoria che cade a Catania e viene scavalcata in classifica dalla squadra di Simeone. Decide alla mezz’ora della ripresa un eurogol di Llama.

Risultati 29a giornata: Cagliari-Udinese 0-4 Catania-Sampdoria 1-0 Chievo-Fiorentina 0-1 Genoa-Palermo 1-0 Lecce-Bologna 0-1 Milan-Bari 1-1 Roma-Lazio 2-0 Brescia-Inter 1-1 Cesena-Juventus 2-2 Parma-Napoli 1-3

forbes

Classifica: Milan 62 Inter 57 Napoli 56 Udinese 53 Lazio 51 Roma 49 Juventus 42 Fiorentina Palermo 40 Cagliari Bologna 39 Genoa 38 Chievo Catania 32 Sampdoria 31 Parma Cesena 29 Lecce 28 Brescia 26 Bari 17.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleTuffi: Tania tris, Cagnotto e Dallapè sorelle d’oro d’Italia
Next articleGiappone: niente mondiali di pattinaggio nel Paese sconvolto dal sisma