Le vittorie di Inter e Napoli rimandano la festa che il Milan avrebbe voluto organizzare a San Siro domenica 1° maggio, in occasione del match con il Bologna. I rossoneri restano vicini alla conquista dello scudetto ma, pur vincendo con i felsinei, dovranno attendere quantomeno una settimana per vincere il campionato. E pensare che al 90’ di Cesena-Inter, con i romagnoli in vantaggio grazie al gol segnato da Budan, al Milan sarebbe bastato pareggiare per chiudere il discorso sulla vittoria finale. Il cambiamento matura al 91’ e al 93’, quando il leone Pazzini, attaccante di razza, ruggisce due volte: la prima, deviando di destro un cross teso di Eto’o; la seconda con un perentorio colpo di testa su cross di Maicon. Il Cesena ha il torto di fermarsi a difendere il minimo vantaggio e resta vittima della classe dei campioni di cui è infarcita la rosa interista. Se i nerazzurri ribaltano il risultato in pieno recupero, il Napoli conquista la vittoria al San Paolo con il Genoa andando a segno al 37’ del secondo tempo con Hamsik su assist di Cavani. Successo meritato per la squadra partenopea che spinge per tutta la durata dell’incontro, disputato sotto la pioggia, e resta più che mai favorita per l’accesso diretto ai gironi di Champions League, avendo una lunghezza di ritardo dall’Inter, seconda.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleVolley A1 donne: secondo ko per Bergamo, Villa Cortese è prima
Next articleMotoGP: Pedrosa sopravanza Lorenzo in Portogallo