Passo falso dell’Albinoleffe nel proseguimento della partita sospesa con la Reggina, alla quale bastano 75 minuti per passare dall’1-0 all’1-3. Più che il risultato, a sorprendere è l’atteggiamento delle due formazioni: tempra, lucidità e determinazione delle file reggine; troppa indecisione, gioco approssimativo e apparente paura di sbagliare tra i giocatori seriani. Una chiave di lettura che, nel dopopartita, si riassume nella dichiarazioni di Emiliano Mondonico, pronto ad assumersi la responsabilità per la scelta dello schieramento, e nella capacità dimostrata da Aztori di motivare il giovane organico reggino.

“Dove eravamo rimasti?” si saranno detti negli spogliatoi Albinoleffe e Reggina che, insieme all’arbitro Tommasi, riprendono e concludono al comunale di Bergamo la partita interrotta dopo 14’30″ a causa della pioggia talmente copiosa da trasformare in terreno in un acquitrinio paludoso. Quello scampolo di calcio è servito a Mingazzini per piazzare un colpo da biliardo con sponda sulla tibia di Cosenza e pallone alle spalle dell’incolpevole Puggioni. La squadra di Mondonico, ripartita dal minimo vantaggio, spreca tutto nella mezz’ora residua del primo tempo subendo, ovvero regalando, due reti alla Reggina affamata di punti dopo il pareggio interno rimediato con il Varese.

forbes

Mister Mondonico raccomanda di giocare come se si partisse dal risultato a reti bianche, Atzori si affida ai risolutori, primo fra tutti Bonazzoli. Solo la Reggina recita alla perfezione il copione, perché prima raggiunge il pareggio con un puntata di Campagnacci al 26’ e poi al 39’ ribalta il risultato proprio con Bonazzoli che ribatte in rete il pallone respinto da Tomasig. Nelle file reggine ultima apparizione in campionato, prima degli eventuali playoff, per Adejo, che dovrà scontare una squalifica di tre giornate. Purgatorio di 75’ anche il difensore seriano Bergamelli, che tornerà a disposizione per il derby con l’Atalanta, posticipo della terz’ultima giornata. A sorpresa, Bombardini e Foglio siedono in panchina, in campo il veterano Garlini e il giovane Salvi, in attacco la coppia Cocco-Torri. Quando le due squadre rimettono piede in campo la salvezza per l’Albinoleffe è a portata di mano, la Reggina è in zona playoff ma per conquistarla definitivamente non può permettersi passi falsi, perché la pattuglia degli outsider si è allargata. In mezz’ora i calabresi fanno la differenza al cospetto di un Albinoleffe contratto e imbastito.

Nel secondo tempo Mondonico getta nella mischia, uno dopo l’altro, Bombardini, Foglio e Cisse. Dopo un inizio balbettante, l’Albinoleffe guadagna campo e innesca con una certa continuità la fase offensiva. Al 22’ Torri svetta di testa in area reggina e colpisce la traversa; sulla ribattuta nessuno dei seriani appostati davanti alla porta di Puggioni riesce a ribadire in gol. Al 28’ un colpo di testa di Cisse, su calcio di punizione defilato di Regonesi, sibila a lato. Al 32’ ci prova con la fronte Bombardini ma è poco più di un passaggio a Puggioni. Neppure le successive conclusioni aeree di Cisse e Torri sono efficaci. Alla Reggina basta una ripartenza per chiudere il match. Accade al 39’ quando Bonazzoli, defilato a sinistra, attrae su di se due difensori e allarga per l’accorrente Campagnacci che entra in area e piazza il pallone alla sinistra di Tomasig. L’epilogo di una gara che riflette l’altalenante campionato dell’Albinoleffe, chiamato a lottare per evitare i playout, e conferma il crescendo di fine stagione della Reggina, che mette un seria ipoteca sui playoff.

ALBINOLEFFE-REGGINA 1-3

Albinoleffe: Tomasig 5.5 Garlini 5.5 (9’ st Foglio 5.5) Sala 5.5 Piccinni 5 Regonesi5.5 C.Zenoni5.5 Hetemaj 6 Mingazzini 5.5 Salvi 5.5 (1’ st Bombardini 5.5) Cocco5.5 (17’ st Cisse 6) Torri 6. A disposizione: Layeni, Luoni, Klun, Passoni. Allenatore: Mondonico

Reggina: Puggioni 6 Costa 6 Adejo 6 Acerbi 6 Colombo 6 (22’ st Cosenza ) Rizzo 6 Danti 6 (12’ st De Rose 6) Tedesco 6 Rizzato 6 Campagnacci 7 (40’ st Zizzari sv) Bonazzoli 6.5. A disposizione: Kovacsik, Lavarone, Barillà, N. Viola, A. Viola. Allenatore: Atzori

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa 6

Marcatori: pt 12’ Mingazzini, 26’ Campagnacci, 39’ Bonazzoli; st 39’ Campagnacci

Note: ammoniti: Torri, Adejo, Zenoni, Bombardini, Hetemaj, Bonazzoli, Piccinni, Sala

Recupero: 2°t 3’

Classifica di serie B: Siena Atalanta 74 Novara 64 Varese 62 Reggina 57 Torino 54 Padova Livorno 53 Empoli Pescara 52 Crotone 50 Modena Vicenza Grosseto 49 Piacenza 46 Sassuolo 45 Cittadella 44 Albinoleffe 43 Ascoli 42 Portogruaro Triestina 40 Frosinone 38

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCalcio: Palermo conquista la finale di Coppa Italia a spese del Milan
Next articleTennis: Starace e Schiavone le speranze azzurre al Foro Italico