L’Atalanta pareggia a Padova (16esimo risultato utile consecutivo) nell’anticipo della 33a giornata di serie B e mantiene la testa della classifica indipendentemente dall’esito della partita del Siena, che insegue in seconda posizione a – 4. La squadra di Colantuono mette subito l’accento sulla partita andando a segno subito con Ferreira Pinto, schierato dal primo minuto. Il brasiliano interviene di tacco su cross da sinistra di Peluso e mette in rete in modo spettacolare dopo soli 3’. Più pericolosa e convinta la squadra bergamasca, in campo con il classico 4-4-2 che vede Consigli tra i pali, in difesa Bellini, Capelli, Manfredini e Peluso; Ferreira Pinto, Delvecchio, Padoin e Doni a centrocampo; Tiribocchi e Ruopolo punte. Nella ripresa, al 19’ Basha subentra a Delvecchio, al 23’ Bonventura a Doni e al 34’ Marilungo a Tiribocchi. Nel 4-3-3 del Padova ci sono Ardemagni, giunto in prestito proprio dall’Atalanta, e El Shaarawy, autore del pareggio dei veneti al 9’ del secondo tempo, poi sostituito da Rabito un quarto d’ora dopo. Ruopolo al quarto d’ora e De Paula al 33’ insidiano i portieri avversari, ma il risultato resta fissato sull’1-1.

Colpo grosso del Torino che sbanca Ascoli con una rotonda quaterna all’attivo. Il ritorno di Lerda sulla panchina dei granata interrompa una serie di quattro sconfitte e rilancia le quotazione in chiave playoff. Due gol di Rolando Bianchi, al 7’ e al 45’ del primo tempo, spaiano la strada alla vittoria, che trova conferma in un autogol al 1’ della ripresa e il gol di Antonucci al 20’. L’Ascoli non resta a guardare e attacca, ma perde l’occasione per rientrare in partita al 3’ della ripresa, sbagliando un calcio di rigore con Giorgi, che si fa respingere il pallone da Rubinho.

forbes

Risultati anticipi 33a giornata serie B: Ascoli-Torino 0-4 Padova-Atalanta 1-1

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleVolley donne: Bergamo mantiene lo scettro del campionato
Next articleF1: Vettel imprendibile, Ferrari ai piedi del podio