La scelta non poteva essere diversa. Mancava l’ufficialità, giusto il tempo di riflettere sulle parole e le aspettative umane e sportive di Emiliano Mondonico, il quale avrà sicuramente tirato la volata a Daniele Fortunato. La panchina dell’AlbinoLeffe passa all’uomo di fiducia, al più stretto collaboratore tecnico, all’amico, all’ex calciatore che ha saputo essere pedina di equilibrio del centrocampo e per questo sa leggere meglio di altri l’assetto tattico e dettare le giuste geometrie per le coperture e aperture. Da Emiliano Mondonico dovrà imparare ad interpretare più a fondo l’aspetto psicologico, quello che fa intuire se un giocatore è in giornata, se è abbastanza tonico e concentrato o troppo nervoso. Segnali evidenti o semplici sfumature. Ma ciò avverrà col passare dei giorni di ritiro, delle settimane che preludono alle gare ufficiali e quando ci si tufferà nell’arena del campionato. Fortunato assume dunque la guida tecnica della squadra bluceleste alla vigilia della nona avventura tra i cadetti. Dovrà formare un gruppo composto, come sempre, da vecchi e nuovi. Con questi ultimi che, si spera, sappiano amalgamarsi presto e assorbire lo spirito che fa di questa squadra e società un modello. C’è tanta voglia di esaltare i valori del territorio di cui l’Albinoleffe è espressione. Non a caso si è scelto di tornare “a casa” in occasione del ritiro estivo della stagione 2011/12: la Celeste ha scelto Selvino come sede dei lavori di preparazione alla prossima annata di serie Bwin. L’Harmony Suite Hotel, struttura alberghiera immersa nella natura, ospiterà i giocatori e lo staff dell’AlbinoLeffe dal 15 al 29 luglio. Il ritorno in Valle Seriana dei ragazzi in celeste avviene dopo l’esperienza in valle d’Aosta della stagione scorsa. Una curiosità: da Rivolta d’Adda a Selvino il tempo di percorrenza è di un’ora e un quarto. A quando la prima passeggiata di Emiliano Mondonico con Fortunato e i suoi ragazzi?

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleGinnastica: alle farfalle di ritmica il Premio Marisa Bellisario
Next articleBeach volley: alla rassegna iridata entusiasmo alle stelle