Mentre il calcio di serie B tiene banco fuori dallo stadio e dal rettangolo di gioco, si consumano gli ultimi capitoli stagionali per definire i restanti destini in testa e in coda. Il primo atto della finale playoff vede il Padova incocciare nel Novara assai determinato a concludere con la promozione un’annata storica, con la squadra allenata da Tesser primeggiare nel girone di andata e chiudere la stagione regolare alle spalle di Atalanta e Siena. Il Novara ha rischiato la beffa nel match di ritorno della semifinale con la Reggina, agguantando il pareggio in casa solo al 90esimo con Rigoni. Ovvio che lo zero a zero sul campo del Padova non dice affatto che la partita sia chiusa, ma solo che il Novara dispone di due risultati due tre, ovvero vittoria e pareggio, per fare il salto in serie A. Allo stadio Euganeo c’è più interesse per l’attaccante El Shaarawy, che richiama in tribuna osservatori da Spagna, Inghilterra e Russia. Ma soprattutto ci sono 22mila spettatori,entusiasti e corretti sugli spalti e fuori dallo stadio. Una risposta chiara e indicativa dopo il fango e il polverone dell’inchiesta legata al calcio scommesse. Novara e Padova si rivedranno domenica per l’atto finale allo stadio Piola, quello con il manto vellutano in erba sintetica. Sabato sera, invece, in programma la gara di ritorno dei playout tra Albinoleffe e Piacenza. Ai bergamaschi, allenati da Mondonico, basta pareggiare per restare in B e prenotare la nona stagione consecutiva fra i cadetti. Il presidente Andreoletti ha chiamato a raccolta appassionati e sostenitori e la risposta, anche in ragione del costo simbolico del biglietto (5 € in tribuna), promette di essere soddisfacente. La tradizione negli spareggi, da quello valso la promozione in B ai playout vinti ancora con Mondonico in panchina quattro stagioni or sono, è beneaugurante. Il Piacenza avrebbe voluto la sospensione del doppio confronto in attesa di un clima più sereno dopo il coinvolgimento nell’inchiesta sul calcio scommesse. Armando Madonna, che da tecnico sulla panchina dell’Albinoleffe ha sfiorato la promozione in serie A, deve lottare con il suo passato e dovrà tentare il tutto per tutto per evitare il fallimento alla guida del Piacenza, dopo essersi trovato, ad un certo punto del torneo, a lambire la zona playoff. Mondonico, dal suo canto, chiama tutti i giocatori a raccolta nello spogliatoio per continuare la favola.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleAtletica: Lemaitre si conferma il bianco più veloce del mondo
Next articleArrampicata: Angelika Rainer si prepara a scalare le Mura Venete