La serie B parte col botto. Nel super anticipo della prima di campionato giocato allo stadio Marassi gremito, Sampdoria e Padova pareggiano a suon di gol dando spettacolo e sconfiggendo il grande caldo. Per due volte in vantaggio, la squadra blucerchiata viene rimontata da quella allenata da Dal Canto, cambiata per 9/11 rispetto a quella disputato la finale dei playoff ma ripartita esattamente da dove aveva concluso la passata stagione. La Samp di Atzori riparte alla grande e ritrova il suo calciatore più rappresentativo, Palombo, bandiera e trascinatore che ha giurato fedeltà alla squadra nel giorno stesso della retrocessione. L’attacco dei blucerchiati è affidato a Bertani, che apre le marcature al 41’ del primo tempo sotto la curva nord di cui è già diventato idolo, e Pozzi, che nel finale si fa espellere per doppia ammonizione. Atzori manda in tribuna Piovaccari e lascia in panchina Dessena e Maccarone, che entrerà alla mezz’ora della ripresa al posto di Bertani suscitando le proteste del pubblico e mancando il gol in pieno recupero con un colpo di testa alto sulla traversa. Sta di fatto che la Samp subisce il pareggio pochi secondi dopo l’avvio di ripresa con un tiro al volo dell’ex genoano Milanetto su azione da corner. Al 7’ Palombo segna con un calcio di punizione magistrale, poi la Samp colpisce per ben due volte la traversa. Al 21’ il definitivo pareggio di Schiavi che svetta di testa ancora su azione da corner. Pareggio sostanzialmente giusto tra due formazioni che, per quanto hanno fatto vedere, si candidano a diventare protagonista della nuova stagione cadetta.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleAtalanta: i lupi di Gubbio corsari con Garibaldi
Next articleCalcio: Roma fuori dalla Europa League