Tania Cagnotto conquista il bronzo dal trampolino 1 metro, finendo alle spalle di due cinesi, e vince la quinta medaglia iridata in quattro edizioni consecutive. Nessuno come lei. Marconi quarta, ottiene la migliore prestazione della carriera. Le cinesi Tingmao Shi e Han Wang – che chiudonno oro e argento con 318,65 punti e 310,20 punti – sono irraggiungibili per Tania Cagnotto che eccelle nel salto mortale e mezzo ritornato carpiato e raggiunge quota 295,40; Marconi difetta nel salto mortale e mezzo con un avvitamento e mezzo e si ferma al quarto posto a 290,15 punti. Mai nessun atleta prima di Tania Cagnotto aveva conquistato medaglie in quattro edizioni consecutive dei Mondiali. Un’impresa, perfino contro il destino, dell’incidente del 19 maggio scorso, dei trenta punti al ginocchio, della microfrattura tibiale e della successiva operazione per ridurre la frattura del terzo medio dello scafoide della mano sinistra. Tania Cagnotto è alla quinta medaglia iridata dopo il bronzo dal trampolino 3m a Montreal 2005, a Melbourne 2007 e a Roma 2009, dove conquistò anche l’argento in coppia con Francesca Dallapè nel sincro trampolino. Neanche il papà Giorgio, cinque olimpiadi come il pallanostista Gianni de Magistris e quattro medaglie, e addirittura il campionissimo Klaus Dibiasi, tre ori e un argento olimpico in quattro edizioni, erano arrivati a tanto nella storia iridata..
La prima medaglia azzurra ai XIV Mondiali arriva da Jinshan city beach, il bacinoa sud-est di Shanghai. E’ d’argento e porta con sé il biglietto per Londra 2012. La conquista Martina Grimaldi, seconda nella 10 chilometri che qualifica le prime dieci ai prossimi Giochi Olimpici. La bolognese chiude in 2 ore 01’59″9 mantenendosi fin dall’inizio nel gruppo di testa. Meglio di lei fa soltanto la britannica Keri Anne Michelle Payne, prima in 2 ore 01’58″1.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleScherma: il fioretto femminile è sempre dream team
Next articleCoppa America: la finale è questione di …guay