C’era Maria Sharapova che ambiva a scalzare dal n.1 del ranking mondiale Caroline Wozniacki (nella foto) e quest’ultima desiderosa di suggellare la stagione con la vittoria del Masters femminile di Istanbul. Invece sono finite entrambe eliminate nella fase a gironi.Con Caroline Wozniacki già fuori (ma la danese può consolarsi con la certezza di chiudere la stagione in testa al ranking per la seconda volta di fila), in due per la prima volta si trovano così avanti nel torneo riservato alle migliori otto giocatrici dell’anno. Sono la ceca Petra Kvitova (21 anni, prima partecipazione) e la bielorussa Victoria Azarenka (22 anni, terza presenza). Seconda semifinale in altrettante partecipazioni per l’australiana Samantha Stosur (27 anni), che nel 2010 si è fermata davanti alla Clijsters. E’ stata invece finalista nel 2008 (quando perse contro Venus Williams) Vera Zvonareva, che di presenze al masters ne vanta cinque ed è dunque la veterana del quartetto. La Zvonareva in semifinale trova la Azarenka, prima nel Gruppo Bianco. La bielorussa ha sempre battuto la russa nelle tre sfide giocate in passato, l’ultima quest’anno a Miami, dove in semifinale ha rifilato un secco 60 63 all’avversaria per poi vincere il titolo.
Nell’altra semifinale saranno di fronte la Kvitova, campionessa di Wimbledon, e la Stosur, campionessa degli US Open. L’australiana ha chiuso al secondo posto il Gruppo Bianco cedendo nel match decisivo appena un gioco alla cinese Li Na (campionessa del Roland Garros). Lo scorso settembre a Flushing Meadows “Sam” ha dimostrato nella finale vinta contro Serena Williams di aver superato quella sorta di blocco mentale che spesso in passato l’aveva condizionata nelle sfide che contano (in carriera ha perso la bellezza di dieci finali). Di fronte ci sarà però la giocatrice che più ha impressionato nei round robin a Istanbul: la Kvitova, l’unica ad essere ancora imbattuta nel masters, sembra tornata la giocatrice precisa, potente e talentuosa che ha conquistato tutti lo scorso luglio a Wimbledon scomodando persino paragoni con un mito come Martina Navratilova. Petra conduce due a zero nei precedenti contro la Stosur e ad inizio 2011 l’ha battuta proprio a casa sua, agli Australian Open (era il terzo turno) giocati a Melbourne.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleCiao Marco, campione della porta accanto
Next articleEffenbert sceglie Rugby Bergamo 1950