Francesca Schiavone non riesce a ripetere l’exploit al Roland Garros riuscitole nel 2010 e deve arrendersi in finale alla cinese Li Na che s’impone per 64 76. Match molto equilibrato ma la tennista cinese dimostra grande padronanza e continuità da fondo campo. Il primo set è deciso dal break ottenuto al quinto gioco da Li Na, che inizia il secondo strappando subito il servizio a Schiavone, brava a realizzare il controbreak all’ottavo gioco. Il confronto si decide sul 6-5 a favore dell’italiana, durante il game che vede la cinese al servizio. Ai vantaggi e in parità la cinese sfodera un diagonale che atterra ad un pelo dalla linea. Per il giudice dell’incontro la palla è buona anche se al replay risulta fuori. Sarebbe stato set-point per l’italiana che invece viene agganciata da Li Na. Senza storia il tie-break, vinto dalla cinese con un eloquente 7-0. Per la 29enne asiatica è il primo slam in carriera e al Roland Garros per la prima volta risuona l’inno nazionale della Cina.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleGinnastica: assegnato a Pesaro il Trofeo Yara Gambirasio
Next articleVolley: Villa Cortese va sul 2-2, scudetto femminile in gara-5