Sarà necessaria la quinta partita per l’assegnazione dello scudetto femminile nel campionato del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. In gara-4 Villa Cortese espugna il PalaNorda di Bergamo con un secco 3-0, riscattando la sconfitta di 48 ore prima sempre in casa delle orobiche.

Dopo il 3-0 di gara-3 che ha portato Norda Foppapedretti in vantaggio 2-1 nella finale scudetto, Villa Cortese è chiamata a vincere per giocarsi tutto al Forum di Assago. Ci riesce meritatamente, con una prestazione ineccepibile. I due allenatori confermano gli schieramenti di gara 3. Bergamo si presenta con Ortolani, Bosetti e Piccinini in attacco, Arrighetti e Nucu centrali, Lo Bianco in regia e Merlo libero. Villa Cortese risponde con il trio Aguero, Berg, Hodge, Cruz, Anzanello e Calloni centrali, Cardullo libero. Alla fine sarà Hodge (52% in attacco) la migliore giocatrice, anche se superata da Aguero (54%). Nelle file bergamasche 52% in attacco anche per Ortolani, ma emergono le percentuali in ricezione di Merlo (83%) e Piccinini (63%) che in attacco fa segnare un 41%. Numeri che fanno intendere come Norda Foppapedretti sia la brutta copia del rullo compressore visto all’opera in gara-3.

forbes

In avvio scambi subito ad alta intensità, durante i quali si intuisce che Villa Cortese ha una marcia in più. Un’incompresione tra Berg e Anzanello (nella foto) frutta il primo punto per Bergamo, che mette a segno altri due punti con Nucu con l’intervallo della conclusione vincente di Hodge, efficace anche al servizio. Sul 4-4 Cruz infila due punti, seguita da Calloni a muro. Piccinini blocca la serie di Villa Cortese che arriva comunque in vantaggio 8-5 al primo timeout tecnico con un mani fuori di Cruz. Si riprende con un’astuta seconda palla di Lo Bianco a cui risponde Callioni con un appoggio felpato. Al punto di Arrighetti replica Villa Cortese con una diagonale di Hodge e la conclusione vincente di Anzanello che guadagna 4 lunghezze di vantaggio (11-7). Dopo la mano pesante di Piccinini, c’è quella di Aguero. Dalla parte opposta Ortolani sceglie la via del mani fuori, ma Anzanello è implacabile da posizione centrale e a muro. Piccinini e Aguero mettono a segno un punto per i rispettivi score che fissano il punteggio sul 16-10 a favore di Villa Cortese al secondo timeout tecnico. Il doppio servizio vincente di Anzanello, la seconda volta aiutata dalla rete, suona come un campanello di allarme per le padrone di casa. Dal 18-10 Bergamo non riesce a riavvicinarsi quanto sarebbe necessario per rientrare in partita, perché Hodge, Callioni e Aguero non sbagliano sotto rete. Sul 22-15 si registra un piccolo recupero fino a -4, soprattutto per merito di Piccinini, ma un mani fuori e la solita Anzanella a muro regalano sei palle-set a Villa Cortese, che si aggiudica la prima frazione con un punto di Cruz.

L’approccio della formazione bergamasca al secondo set non è dei più tranquilli, con un errore al servizio e una schiacciata di Ortolani in rete. Villa Cortese denota reattività e senso di posizione, ma soprattutto nella serata decisiva ritrova l’americana Hodge che gioca con naturalezza ed efficacia. Due primi tempi e un servizio vincente di Arrighetti consentono a Bergamo di arrivare al primo timeout tecnico con sole due lunghezze di ritardo. Dopo i punti di Callioni e Ortolani, un errore al servizio di Lucia Bosetti e poi ancora Hodge ridisegnano la stessa situazione di punteggio del primo set, con Villa Cortese in vantaggio 11-7. Tocca a Piccinini riprendere il mano la formazione orobica, ma dopo un punto conquistato manda fuori la conclusione successiva. A Nucu e Arrighetti risponde sempre Hodge, poi Ortolani schiaccia fuori e Lucia Bosetti si fa murare da Cruz. Anche al secondo timeout tecnico stessa situazione del primo set con Villa Cortese avanti 16-10. Si riparte da una indecisione in ricezione tra Lo Bianco e Piccinini, Ortolani trova un punto prezioso, Hodge c’è, ma Piccinini e due volte Ortolani riportano Bergamo a -4. Dopo una fast di Callioni, Nucu trova il primo tempo, mentre alla Ortolani non riesce la ricezione sulla potente conclusione di Hodge. Succede anche a Lucia Bosetti e alla Piccinini che non riescono ad opporsi in seconda linea all’americana. Il muro di Anzanello vale il +7 per Villa Cortese. Alla fast di Nucu risponde Aguero con una conclusione sporcata dal muro. Vasileva annulla un set-ball, poi impatta sul muro di Aguero, che consente a Villa Cortese di conquistare anche il secondo set.

Nucu e Arrighetti sono le protagoniste del tentativo di riscatto per Foppapedretti che si porta sul 6-3 grazie al muro di Ortolani. Aguero compnesa un errore di Hodge in primo tempo, ma un diagonale di Piccinini fissa a 8-4 il parziale a favore di Bergamo al primo timeout tecnico. I punti di Cruz e Aguero vengono vanificati da due errori al servizio di Villa Cortese, che ritrova subito la stessa Aguero , ma non può opporsi a Ortolani e Lucia Bosetti che consentono di allungare (12-7). Dopo l’attacco vincente di Aguero e un errore in palleggio delle ragazze di Abbondanza, un mano di fuori di Anzanello, un pallonetto e un attacco out di Piccinini, e infine un muro di Callioni riducono il distacco a un solo punto (13-12). Ortolani spezza la serie, Aguero ottiene un mani fuori ma poi svirgola la ricezione su potente conclusione di Piccinini. Villa Cortese riduce ancora con un punto a muro di Callioni su attacco di Lucia Bosetti, Piccinini fissa il vantaggio delle bergamasche sul 16-14 al secondo timeout tecnico. Poi l’arbitro fischia un errore in palleggio per parte, alle due registe, prima che Cruz metta a segno una pipe con replica immediata di Ortolani. Ad Anzanello riesce il primo tempo, ma manda fuori a muro. Ci pensa Aguero a tenere la squadra incollata a Bergamo, subito dopo Callioni risponde ad Arrighetti e Aguero a Nucu, infine Hodge consente di agguantare le padrone di casa sul 21 pari. La reazione è nell’attacco di Piccinini che piega il tentativo a muro di Callioni, che poi sbaglia il primo tempo consentendo a Bergamo di riportarsi a +2. Hodge tiene in partita Villa Cortese, poi Piccinini appoggia la palla che passa tra le braccia protese di Anzanello e Hodge (24-22). La stessa Anzanello annulla entrambe le palle set murando sempre Lucia Bosetti, poi Hodge firma il sorpasso (25-24) e guadagnando addirittura la palla della vittoria, subito annullata da Ortolani. Hodge ottiene il 26-25 e va al servizio, sbagliandolo clamorosamente. E di Aguero il nuovo attacco vincente che consente ad Anzanello di servire per il match. E Aguero con un potente attacco sporcato dal muro rimanda l’assegnazione del titolo alla quinta partita.

NORDA FOPPAPEDRETTI BERGAMO-MC CARNAGHI VILLA CORTESE 0-3

(18-25 18-25 26-28)

Norda Foppapedretti Bergamo:

Allenatore: Mazzanti

MC-Carnaghi Villa Cortese:

Allenatore: Abbondanza

Arbitri:

Battute Vincenti:

Battute Sbagliate:

Muri:

Durata Set:

24’, 25’, 32’Bergamo 3; Villa Cortese 13 Bergamo 6; Villa Cortese7 Bergamo 2; Villa Cortese4 Nicola Giorgio Gnani (Ferrara) e Luca Sobrero (Carcare – Sv) Anzanello 14, Berg, Lanzini n.e., Negrini , Cruz 7, Cardullo (L), Hodge 19, Aguero 16, Calloni 8, C. Bosetti, Rondon, Jontes n.e. Ortolani 13, Nucu 8, Signorile n.e., Fanzini, Carrara (L) n.e., Merlo (L), L. Bosetti 6, Piccinini 11, Arrighetti 9, Lo Bianco 1, Vasileva 1, Zambelli n.e.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleTennis: la prima volta di una cinese al Roland Garros
Next articlePlayout serie B: Piacenza e Albinoleffe chiudono senza reti