Francesca Schiavone entra di diritto nella storia del tennis mondiale. E’ ancora finale per lei al Roland Garros dove difende il titolo conquistato nel 2010. La terra rossa di Parigi si rivela magica per la 30enne milanese, quinta favorita del seeding, che in semifiale piega per 63 63, in un’ora e mezza di gioco, la francese Mario Bartoli, undicesima testa di serie. Decisivo il passaggio del terzo game del secondo set, con la francese in vantaggio 2-0 e con il servizio a disposizione. Schiavone ha annullato due volte la palla del 3-0 e messo a segno il contro-break per poi portarsi sul 2-2 e 3-3. Strappato il servizio a Batoli nel settimo gioco, Francesca si assicura il proprio fino a chiudere con irresistibili passanti che non lasciano scampo alla francese. Sabato in finnale per Francesca la sfida contro Li Na, sesta testa di serie, prima cinese a qualificarsi per la finale del Roland Garros di Parigi. In semifinale Na Li, numero 6 del ranking Wta, ha sconfitto per 64 75, in un’ora e quarantotto minuti di gioco, la russa Maria Sharapova, settima testa di serie, reduce dal successo di Roma ma che non ha ancora vinto lo slam nella capitale francese (ha già vinto Wimbledon 2004, US Open 2006 e Australian Open 2008).

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleCalcio: Prandelli, la vita è un dono, non una scommessa
Next articleSkyrunning: Butti, 26enne lecchese, domina Orobie Vertical