Doveva essere la domenica del possibile trionfo di Max Biaggi e del riscatto di Valentino Rossi in MotoGP. Invece sarà ricordata per il terribile incidente nella gara di Moto-2 al GP di San Marino in cui ha perso la vita il ventenne giapponese Shoya Tomizawa, caduto e travolto da altri due piloti, Alex De Angelis e Scott Redding che nulla hanno potuto fare per evitarlo. Rianimato sul posto, Tomizawa è stato trasferito in ospedale quand’era in coma. Fatali le fratture multiple riportate in tutto il corpo e le emorragie interne. Praticamente incolume De Angelis, ricoverato in ospedale ma senza gravi conseguenze Redding. La notizia della morte di Tomizawa è arrivata sul circuito quando la gara, vinta dallo spagnolo Elias, si era conclusa.

La tragedia, ovviamente, quanto è successo nelle altre gare. Max Biaggi ha rimandato al 26 settembre, a Imola, l’appuntamento con il titolo mondiale. Al Nurburgring il pilota italiano su Aprilia ha compromesso la possibilità di aggiudicarsi in anticipo il campionato Superbike giungendo solo quarto nella gara-1 e guadagnando solo tre punti sul diretto avversario, Haslam, distaccandolo di 63 punti in classifica generale prima di gara-2, un margine insufficiente per la certezza matematica. Nella gara di Moto GP di San Marino, vinta da Pedrosa sul leader del mondiale Jorge Lorenzo, sale sul podio Valentino Rossi, che può puntare al terzo posto della graduatoria mondiale essendo distanziato di soli 9 punti da Dovizioso.

forbes

forbes
Previous articleLe alghe frenano Alessandra Sensini nella corsa al titolo mondiale
Next articleFrancesca Schiavone ai quarti di finale dell’US Open