Quando agli US Open i migliori arrivano fino in fondo, le semifinali valgono una finale. Ecco, dunque, che Nova Djokovic nega a Roger Federer di prendersi la rivincita, annullando due match point quando si trova sotto di due set e imponendosi al quinto set. E’ finita 67 (7) 46 63 62 75 dopo tre ore e 51 minuti. “E’ la mia più grande vittoria dell’anno ed una delle più belle di tutta la mia carriera”, ha detto Djokovic a fine match nell’intervista di rito sull’Arthur Ashe Stadium.
La stagione di Djokovic è da fenomeno: 63 match vinti su 65 (una delle due sconfitte l’aveva subita proprio da Roger nella semifinale del Roland Garros), nove titoli già conquistati tra cui Australian Open e Wimbledon, sorpasso nei confronti di Nadal. Dopo aver rimontato i due set di svantaggio, Djokovic si è trovato sotto 5-3 nel quinto con Federer al servizio 40-15. Incassato il contro break Roger è franato: appena tre quindici conquistati in altrettanti game. Il trentenne svizzero chiude la stagione senza aver vinto neppure un titolo dello Slam per la prima volta dal 2002: l’ultimo trionfo risale agli Australian Open 2010. Djokovic affronterà in finale Rafa Nadal, favorito numero due, che ha battuto in quattro set Andy Murray, testa di serie numero 4: 64 62 36 62 lo score finale. Contro lo spagnolo, Djokovic ha la possibilità di conquistare il primo titolo a Flushing Meadows, dove ha già giocato e perso due finali (2007 contro Federer e 2010 contro Nadal). Sarebbe il suo quarto successo in tornei dello Slam (Australian Open 2008 e 2011 e Wimbledon 2011) e diventerebbe il sesto tennista a vincere tre titoli nei majors nella stessa stagione. Prima di lui ci sono riusciti solo Rod Laver, Jimmy Connors, Mats Wilander, Roger Federer e Rafa Nadal.

In campo femminile Serena Williams entusiasma e commuove regalandosi la finale contro Samantha Stosur. L’americana ha superato la numero uno del mondo Caroline Wozniacki. Il match è durato poco meno di un’ora e mezza: Serena si è imposta per 62 64 confermando che, al di là dei freddi numeri del computer Wta, la vera numero uno del circuito femminile resta lei, nonostante arrivi da quasi un anno di stop forzato (dal luglio 2010 allo scorso giugno) a causa di una serie di infortuni. Contro la Wozniacki, che deve ancora rimandare l’appuntamento con il primo titolo in uno Slam della carriera, la Williams ha totalizzato 34 vincenti, di cui 11 aces. Serena va a caccia del quarto titolo a Flushing Meadows a 12 anni dal primo: era il 1999 quando giovanissima alzò per la prima volta il trofeo nello Slam di casa (poi sono arrivati i successi nel 2002 e nel 2008). Per l’americana sarebbe il titolo numero 14 negli Slam: l’ennesima rinascita dopo lo stop di quasi un anno. Solo il 4 luglio scorso era scivolata al numero 173 della classifica mondiale.

forbes

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleSerie A: Napoli battezza con la vittoria l’erba sintetica di Cesena
Next articleRugby: Italia azzurra a metà, esordio amaro con l’Australia