Comincia in maniera convincente la World Cup delle azzurre che superano con un meritato 3-1 il Giappone. E splendida replica nel day after con vittoria al tie-break per 3-2 con la Cina. Quella con il Giappone era una gara difficile, un match che poteva indirizzare in un modo o nell’altro il torneo che assegna tre posti per Londra. Lo Bianco e compagne lo hanno interpretato in modo perfetto e si sono messe in tasca tre punti pesantissimi. Grande prestazione collettiva della squadra di Massimo Barbolini, con “Leo” che ha festeggiato con una prestazione da ricordare la sua 500ma maglia azzurra; con Lucia Bosetti che ha interpretato al meglio l’inusuale posizione di opposto, con Costagrande e Del Core implacabili in attacco e preziose in difesa, con la rientrante Croce super in difesa, con Arrighetti e Gioli forti in attacco, ma utilissime anche in difesa. Il Giappone, che quest’anno le aveva battute tre volte, si è trovato davanti una squadra con uno spirito diverso e dopo una bella reazione nel secondo set, si è sciolto come il ghiaccio sotto il sole. La vittoria è di quelle che contano e apre le porte ad un’Italia Cina, la sfida in programma alle 7 italiane di domani, a sua volta davvero importante. L’Italia ha giocato un bel primo set, concentratissima in difesa, abbastanza fastidiosa al servizio, ordinata a muro, tutto sommato positiva in attacco. Il Giappone ha retto “botta” per tre quarti del set, poi è scivolato indietro quando le difese di Croce e gli attacchi di Del Core hanno fatto la differenza. Nel secondo le padrone di casa scattano avanti 3-0 e l’Italia stenta a rimontare. In attacco le cose funzionano mene bene e la stessa battuta non mette più in difficoltà le nipponiche. La squadra di Barbolini ritrova il suo gioco tardi, da 16-20 arriva al 23-24, poi con Del Core non sfrutta la palla del pari e cede di misura. Dopo l’intervallo, in Giappone le gare della squadra di casa come sempre vengono interrotte dopo il secondo set per 10 minuti, il Giappone ha cercato di allungare, portandosi 6-2, ma l’Italia ha reagito, rimontato e vinto in scioltezza. Stessa storia nel quarto set, ma quando con Lo Bianco in battuta le azzurre sono passate dal 4-6 all’8-6 si è capito che il matche aveva ormai delle padrone vestite d’azzurro.

(fonte: federvolley)

forbes

GIAPPONE- ITALIA 1-3 (20-25 25-23 18-25 15-25)
GIAPPONE: Takeshita, Kimura 16, Araki 10, Ebata 17, Shinnabe 11, Yamaguchi 5, Libero: Sano. Nakamichi, Iwasaka 1, Ishida 1, Kano 3. Non entrata: Sakoda.
ITALIA: Del Core 15, Arrighetti 15, Bosetti L. 13, Costagrande 18, Gioli 12, Lo Bianco 3. Libero: Croce. Anzanello. Non entrate: Signorile, Barcellini, Bosetti C., Sirressi. All. Barbolini.
ARBITRI: Jovanovic (Srb) e Zenovich (Rus).
Spettatori: 5000. Durata set: 25, 27, 24, 21.
Giappone: bv 4, bs 12, mv 3, e 10. Ricezione 58% (perfetta 29%). Attacco 35%.
Italia: bv 4, bs 7, mv 7, e 7. Ricezione 68% (perfetta 45%). Attacco 45%.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleUn preciso intervento tecnico rilancia Antonio Cassano, uomo e calciatore
Next articleGiusta, sacrosanta e tempestiva la decisione di rinviare Genoa-Inter