Con la finale della staffetta 4×400 (azzurre settime in 3:26.45) si chiude il Mondiale dell’Italia a Eugene 2022, nell’Oregon (USa). Una spedizione positiva per la squadra azzurra che ha colto, soprattutto in termini di finalisti e punti, risultati che mancavano da diverse edizioni. L’oro di Massimo Stano riporta il tricolore sul gradino più alto del podio dopo un’attesa durata 19 anni (l’ultimo a riuscirci fu Giuseppe Gibilisco nell’asta, a Parigi 2003). E sempre da 13 anni non si riusciva a ottenere più di un podio nella stessa edizione (con Stano, va a referto anche il bronzo nel salto in alto di Elena Vallortigara).

Anche in termini di punti e finalisti, il risultato è positivo. Il punteggio complessivo è di 39 (dodicesimo posto nella speciale classifica che assegna 8 punti al primo classificato di ogni gara e un punto all’ottavo), il miglior risultato dal 2003 a questa parte (occorre tornare a Parigi, 19 anni fa, dove si collezionarono 39 punti, come oggi).

forbes

I finalisti sono dieci, divisi in modo equo tra uomini e donne, pareggiando (ancora) Parigi 2003, e riportando la squadra italiana in doppia cifra dopo un’attesa durata 9 edizioni. Diciannovesimo piazzamento nel medagliere. Agli Stati Uniti il primo trofeo assegnato per la squadra vincitrice della classifica a punti. Gli americani hanno dominato il Mondiale: 33 medaglie (13 d’oro), 65 finalisti, 328 punti. Giamaica (110) ed Etiopia (106) chiudono il trio di testa.

In termini tecnici è significativo il raffronto tra i finalisti dei Giochi di Tokyo e quelli del Mondiale americano. Furono dieci anche lo scorso anno, ma solo in due (Tamberi e Stano) sono stati capaci di confermarsi tra i primi otto a dodici mesi di distanza, il marciatore addirittura sul gradino più alto del podio (seppure su una distanza diversa). Questo a testimoniare la crescita di atleti che in Giappone non erano stati protagonisti, a fronte delle numerose assenze nella prima fila azzurra.

Un dato interessante sono state le staffette: due quartetti con il tricolore sul petto entrarono in finale lo scorso anno (4×100 e 4×400 uomini, la prima salendo sul gradino più alto del podio), le altre tre (4×400 donne, 4×400 mista e 4×100 donne) sono riuscite quest’anno.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleAlbinoLeffe, prosegue con intensità la fase di preparazione
Next articleL’Italia della Scherma torna dal Cairo con un ottimo bottino