Triplisti azzurri a un passo dal podio nella nona giornata dei Mondiali di Eugene: Andrea Dallavalle è quarto con 17,25 (-0.2) al primo salto, a soli sei centimetri dal bronzo conquistato dal cinese Zhu Yaming (17,31/-0.8), Emmanuel Ihemeje, “bergamasco” di Verdellino, è quinto con 17,17 (+2.6) all’ultimo turno, nella gara dominata dal portoghese Pedro Pablo Pichardo medaglia d’oro con un fantastico 17,95 (+0.3).

L’Italia chiude all’ottavo posto con la staffetta 4×100 femminile, all’indomani del record italiano di 42.71: Zaynab Dosso, Dalia Kaddari, Anna Bongiorni e Vittoria Fontana si sono espresse esprimono in 42.92. Oro agli Stati Uniti (41.14), beffati invece al maschile dal Canada di De Grasse (37.48).

forbes

Gioia azzurra per la finale della staffetta 4×400 raggiunta da Anna Polinari, Ayomide Folorunso, Virginia Troiani e Alice Mangione con 3:28.72 (turno decisivo nella notte italiana tra domenica e lunedì alle 4.50), eliminati invece gli uomini (Lorenzo Benati, Vladimir Aceti, Brayan Lopez, Edoardo Scotti) fuori per tre decimi con 3:03.43.

Nelle altre finali del giorno, titolo degli 800 per il keniano Emmanuel Korir (1:43.71), dei 5000 per l’etiope Gudaf Tsegay (14:46.29) e del giavellotto per il grenadino Anderson Peters (90,54). Nell’ultima giornata mondiale (domenica) spazio a Massimo Stano e Andrea Agrusti nella 35 km di marcia alle 15.15 italiane (le 6.15 di Eugene) e, come detto, alla finale della staffetta 4×400 femminile.

forbes
Previous articleLa Juventus chiama Giovanni Andreini di Alzano alla supervisione del club
Next articleOtto medaglie per l’Italia ai Mondiali di scherma in Egitto