Europei di scherma trionfali per i colori azzurri a Sheffield. Dopo la tripletta nel fioretto maschile e il trionfo di Di Francisca in quello femminile, l’Italia conquista l’oro nelle prove a squadre di fioretto maschile e sciabola femminile. Giorgio Avola, classe ’89, sale sul gradino più alto del podio tutto azzurro di fioretto maschile. L’atleta siciliano s’impone per 15-14 al termine di una finale tiratissima e combattuta contro Andrea Cassarà. Ad arricchire il podio azzurro è Andrea Baldini, giunto terzo dopo la sconfitta subita in semifinale da Cassarà per 15-11. Cassarà e Baldini continuano a mantenere la vetta del ranking mondiale in vista di Londra, mentre per Avola è un successo che vale tantissimo. Elisa Di Francisca vince il titolo europeo di fioretto femminile, al termine di una finale tiratissima contro Valentina Vezzali conclusa con la vittoria della campionessa del Mondo 2010 per 10-8.

Quella di domenica 17 luglio sarà ricordata come una giornata storica con un dominio assoluto degli azzurri. Se nel fioretto maschile, dopo la tripletta azzurra della prova individuale l’Italia era data tra le favorite, nella sciabola femminile le azzurre sono state artefici di una prestazione straordinaria superando in semifinale la Russia numero 1 del ranking mondiale e, in finale, le campionesse olimpiche dell’Ucraina, conquistando il primo titolo continentale per la sciabola rosa italiana. Il fioretto maschile ha ribadito la sua supremazia in campo mondiale e continentale, grazie ad una prestazione che ha visto i quattro azzurri Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Giorgio Avola e Valerio Aspromonte superare per 45-35 ai quarti la Polonia, poi la Germania in semifinale per 45-31 ed infine la Francia col punteggio di 45-28, al termine di un assalto giocato anche sul filo dei nervi. La giornata d’oro della sciabola femminile porta la firma di Gioia Marzocca, Ilaria Bianco, Irene Vecchi e Paola Guarneri, che superano l’Ucraina per 45-43.

forbes

Nel bilancio azzurro anche la medaglia di bronzo nella prova di spada femminile conquistata da Nathalie Moellhausen, già terza ai Mondiali 2010. Nella prova di sciabola maschile Aldo Montano chiude al sesto posto. L’azzurro è uscito sconfitto per 15-14 dall’assalto dei quarti contro l’ungherese Szilagyi. Al Campione olimpico 2004 non è riuscita la rimonta sul magiaro che ha messo a segno l’ultima stoccata, fermando la corsa dell’azzurro.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleOrobie Skyraid: vince De Gasperi, a Butti la combinata
Next articleBrasile e Argentina, ai rigori sono dolori