Successo e doppio regalo di compleanno per Rafa Nadal che raggiunge per la sesta volta la finale del Roland Garros, dove ha già vinto in cinque edizioni dal 2005 con la sola eccezione del 2009. In semifinale il 25enne maiorchino spegne le candeline al termine di una maratona di tre ore e diciassette minuti, battendo per 64 75 64 lo scozzerse Andy Murray, quarto favorito del seeding. Il numero uno del mondo ottiene la seconda soddisfazione quando vede il serbo Djokovic, che gli insidia il primato nel ranking Atp, uscire per mano dello svizzero Roger Federer (nella foto). Nadal deve dare il meglio di sè per battere un Murray alla sua prima semifinale parigina. Nel primo set lo spagnolo si trova a condurre 4-1, restituisce uno dei due break di vantaggio ma incamera ugualmente il primo set per 64 non prima però di aver annullato al britannico la palla del cinque pari. La seconda frazione vive di break e controbreak fino al 4-4. All’undicesimo gioco Nadal conquista ancora un break e chiude per 75. Nel set decisivo Rafa ottiene subito il break, nel sesto e nell’ottavo gioco evita il contro-break, sale 5-3 ed archivia la terza frazione per 64. Nadal sale a 44 match vinti su 45 disputati a Parigi (l’unica sconfitta contro Soderling, negli ottavi del 2009). In finale troverà Roger Federer, vittorioso su Novak Djokovic per 76(5) 63 36 76(5), in tre ore e quaranta minuti di gioco.

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
forbes
Previous articleCalcio: l’Atalanta prolunga il rapporto con Colantuono
Next articleL’Italia di Prandelli colora di azzurro vivo il calcio