Chiamatela partita del cuore, quella che consente all’Albinoleffe di interrompere la striscia negativa di quattro sconfitte consecutive e tornare al successo nella gara che assolutamente non si poteva sbagliare. La squadra seriana batte l’Ascoli con un gol di Domenico Germinale che bagna il suo esordio da titolare a Bergamo andando a segno al 6’ con un preciso colpo di testa su cross di Piccinni. Una vittoria fortemente voluta, frutto di un atteggiamento volitivo e assennato. Il minimo vantaggio non consente tuttavia all’Albinoleffe di dormire sonni tranquilli fino al 93’, con l’Ascoli alla disperata ricerca di un pareggio che avrebbe complicato alquanto i programmi di risalita in classifica della squadra di Fortunato. L’Albinoleffe vince senza subire reti e questo è un altro aspetto positivo, anche se il vero obiettivo non poteva che essere la conquista dei tre punti. Dopo il gol del vantaggio l’Albinoleffe prova a mettere al sicuro il risultato. Al 15’ Pacilli si fa largo sulla fascia destra ed effettua un cross tagliato leggermente lungo per Germinale che non riesce a toccare il pallone. Al 19’ nuova palla invitante di Pacilli in area per Laner che gira di prima intenzione, il portiere Guarna blocca. Un minuto dopo Bergamelli sbroglia una pericolosa mischia al centro dell’area seriana, innescata da un’iniziativa di Papa Waigo. Al 24’ l’ascolano Sbaffo su calcio di punizione fa sibilare il pallone a sulla destra di Offredi. Prima della mezz’ora Castori abbandona l’assetto equilibrato con cui aveva impostato la gara, mandando in campo Beretta, attaccante in prestito dal Milan e di scuola Albinoleffe, al posto del difensore Ciofani. Il più attivo tra i marchigiani è Papa Waigo che prova ripetutamente lo spunto sulla destra, dove Piccinni gli impedisce di infilarsi. Nel finale di primo tempo l’Albinoleffe arretra il baricentro ma l’Ascoli non produce pericoli. Ad inizio di ripresa iniziativa di Beretta che allarga per Romeo calcia fuori. Poi l’Albinoleffe colleziona due grosse opportunità per raddoppiare, senza riuscire a sfruttarle. Su capovolgimento di fronte Pacilli si libera in area ascolana ma colpisce l’esterno della rete. Al 6’ su punizione da sinistra di Previtali, colpo di testa di Hetemaj con pallone deviato oltre la traversa dal portiere Guarna che nell’azione successiva sbaglia i tempi dell’uscita facendosi anticipare da Germinale, il cui tocco di testa però è debole. Le due squadre alzano il ritmo, l’Ascoli nel tentativo di recuperare, l’Albinoleffe con un pressing ragionato per tenere i marchigiani lontano dall’area. A metà ripresa Fortunato manca in campo Girasole al posto di Cristiano. Contestualmente Castori si affida a Soncin richiamando Romeo. I blucelesti si trasformano in combattenti impegnandosi in un gioco di interdizione che però non trova sbocchi nelle ripartenze. Motivo per cui l’allenatore seriano getta nella mischia al 31’ Cisse che prende il posto di Pacilli. Non accade nulla fino al 39’ quando Falconieri calcia al volo un pallone vagante sfiorando il palo alla destra di Offredi, che però controlla la traiettoria. Al 44’ Previtali parte in contropiede ma non riesce a servire in profondità Cisse. Nei minuti di recupero l’Ascoli fruisce di calci piazzati dalle linee laterali che generano qualche apprensione nel finale, ma la porta seriana resta inviolata e il risultato fissato sull’1-0 che permette di capitalizzare gli sforzi e restituire serenità all’ambiente.

ILDOPOPARTITA:società e Fortunato lasciano che parli la squadra

forbes

VIDEOINTERVISTE

Germinale festeggia il gol vittoria all’esordio da titolare a Bergamo

Previtali: contava capitalizzare e ci siamo riusciti

Castori, allenatore dell’Ascoli, controcorrente: sconfitta immeritata

ALBINOLEFFE-ASCOLI 1-0

ALBINOLEFFE (4-2-3-1): Offredi 6 Luoni 6 D’Aiello 6 Bergamelli 6 Piccinni 6.5 Previtali 6 Hetemaj 6 Pacilli 6 (31’ st Cisse 6) Laner 6.5 Cristiano 6 (26’ st Girasole 6) Germinale 6.5 (46’ st Daffara sv). In panchina: 72 Chimini, Lebran, Regonesi, Torri. All. Fortunato.
ASCOLI (4-3-3): Guarna 6 Ciofani 5.5 (29’ pt Beretta 5.5) Andelkovic 6 Pederzoli 5.5 Faisca 5.5 Gazzola 5 Giovannini 5.5 Di Donato 5.5 Sbaffo 5 (12’ st Falconieri 5.5) Papa Waigo 6 Romeo 5.5 (26’ st Soncin 5). In panchina: Maurantonio, Vitiello, Parfait, Tamburini. All. Castori.
ARBITRO: Marco Di Bello di Brindisi 5.5

Marcatori: pt 6’ Germinale

Ammoniti: Papa Waigo, Gazzola, Soncin; recuperi: pt 1’, st 3’

 

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleCassano e la fragilità del campione
Next articleSerie B: Toro inarrestabile, Pescara, Sassuolo e Padova non mollano