L’Albinoleffe torna alla vittoria espugnando lo stadio Picchi di Livorno nell’anticipo della 23a giornata di serie B, regalando la grande soddisfazione a Emiliano Mondonico di festeggiare nel migliore dei modi la panchina n. 1050 da allenatore. Il tecnico dei seriani vince la sfida sul piano tattico con Pillon ottenendo la risposta attesa dai suoi giocatori. Non così il mister del Livorno, che non riesce a sbrogliare la matassa in cui resta invischiata la sua squadra. Una vittoria in rimonta dei seriani dopo il vantaggio dagli undici metri dei padroni di casa.

Alle prese con assenze rilevanti, Mondonico opta per il 4-4-2, schieramento speculare rispetto a quello del Livorno, che punta sulla coppia d’attacco Dionisi-Tavano. I labronici, chiamati a riscattare il passo falso di Sassuolo per mantenere la posizione in zona playoff, trovano difficoltà a produrre una manovra efficace, puntualmente chiusi dai bergamaschi che aggrediscono i portatori di palle e raddoppiano puntualmente sulle fasce laterali. Accade così che un errore in fase difensiva dell’Albinoleffe avvantaggia il Livorno. Ingenuità di Bergamelli, che controlla male lasciandosi sfilare il pallone da Dionisi, il quale entra in area e viene falciato da Previtali. Rigore ineccepibile, trasformato con un tiro basso e angolato da Tavano. Dopo questo episodio i livornesi non arrivano più al tiro, perché l’Albinoleffe assume l’iniziativa e si fa sempre più intraprendente. Al 21’ la squadra di Mondonico pareggia grazie ad una clamorosa indecisione del portiere De Lucia. Un cross di Regonesi viene controllato da Momentè che appoggia all’indietro per Grossi il cui tiro, deviato da Miglionico, fa impennare il pallone in area. De Lucia manca la presa e Momentè può comodamente appoggiare in rete. Al 23’ calcione di Barusso, già ammonito, sul ginocchio di Previtali, ma l’arbitro lo grazia. Al 36’ il Livorno insidia per la prima volta la porta di Tomasig, su calcio di punizione di Barusso che impegna Tomasig in una difficile respinta, il pallone viene ripreso da Tavano che tira a botta sicura ma il portiere seriano sulla linea bianca ci mette il piede e salva. Al 43’ l’Albinoleffe capitalizza il suo atteggiamento offensivo colpendo in contropiede. Momentè ruba palla a Barusso a centrocampo, Grossi scatta in profondità, arriva in area livornese e in diagonale mette alle spalle di De Lucia. Nei minuti di recupero del primo tempo un colpo di testa di Grossi e una conclusione di Schiattarella. Nella ripresa l’Albinoleffe regge il tentativo d’urto dei padroni di casa. Al 10’ colpo di testa di Miglionico che passa a lato della porta di Tomasig. Il Livorno non riesce ad arrivare al tiro e la squadra di Mondonico è sempre pronta a partire pericolosamente in contropiede. A metà del secondo tempo Pillon gooca la carta Danilevicius per comporre un tridente d’attacco nel tentativo di recuperare il risultato. La sostituzione produce una scossa nella squadra toscana. Al 23’ colpo di testa di Dionisi, deviato da un difensore e pallone che colpisce il palo. Dopo 30 secondi Miglionico arriva davanti a Tomasig che compie un autentico miracolo respingendo il tiro ravvicinato. Al 25’ crosso di Perticone e tiro al volo di Tavano sull’esterno della rete. Nell’ultima parte il Livorno prova ad assediare l’area bergamasca, ma trova la diligente copertura delle maglie blucelesti. Al 42’ altra grossa occasione per Miglionico che di testa manda a lato. L’ultimo tentativo al 49’ sulla testa di Dionisi che non trova la porta. L’Albinoleffe riscatta la sconfitta subito all’andata e sale a quota 27 (+ 6 sulla zona playout), mentre il Livorno (terza sconfitta casalinga) può rifarsi nel recupero di martedì 25 allo stadio Picchi contro il Padova.

forbes

Livorno Albinoleffe 1-2

Livorno (4-4-2): De Lucia 5, Perticone 5.5, Miglionico 5.5, Knezevic 5.5, Lambrughi 5 (20’ st Danilevicius 5.5), Pagano 5 (1’ st Surraco 6), Luci 5.5, Barusso 5 (11’ st Prutsch 5.5), Schiattarella 5.5, Dionisi 6, Tavano 5.5. A disposizione: Mazzoni, Salviato, Cellerino, Volpe. Allenatore: Pillon

Albinoleffe (4-4-2): Tomasig 7.5, Luoni 6, Piccinni 6, Bergamelli 5.5, Regonesi 6.5, Grossi 7 (26’ st Salvi ), Hetemaj 6, Previtali 6, Foglio 6 (12’ st Martinez 6), Cocco 6.5, Momentè 7 (31’ st Cissè 6). A disposizione: Layeni, Garlini, Passoni, Girasole. Allenatore: Mondonico

Arbitro: Palazzino di Ciampino 6.5

Marcatori: pt 9’ Tavano (rig), 21’ Momentè, 43’ Grossi

Ammoniti: Barusso, Hetemaj, Perticone, Piccinni, Foglio, Cocco, Tavano. Recuperi: It 3’, IIt 4’

close

Iscriviti alla Newsletter e resta sempre aggiornato!

Le migliori notizie della settimana
di tutto lo sport bergamasco

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

forbes
Previous articleSci: Lindsey Vonn regina delle Tofane, Kostelic inarrestabile
Next articleAustralian Open: dopo Schiavone, anche Pennetta negli ottavi